Posts made in agosto, 2015

L’amica letale: narcisismo al femminile

Posted by on ago 1, 2015 in News | 69 comments

L’amica letale: narcisismo al femminile

I disturbi di personalità si esprimono attraverso importanti caratteristiche di genere. Gli esperti sostengono che il disturbo narcisistico di personalità sia orientato per più del 50% al maschile, lasciando comunque un’ importante fetta narcisistica alle donne. Le caratteristiche di genere declinano in espressioni diverse il narcisismo al maschile e al femminile, strutturando due modi di essere perfettamente compatibili con i peggiori stereotipi di entrambi i generi, ma ugualmente capaci di un’ambiguità tale da adombrare la salute mentale dei loro interlocutori. L’accoppiata maschio narcisista/carnefice e donna vittima, poi, è socialmente più accettata e visibile e le donne, quando va bene, riescono a far emergere i propri disagi e a denunciare quanto accade. Quando la vittima è un uomo e la carnefice una donna narcisista le resistenze possono essere addirittura maggiori, a causa dei pregiudizi facilmente immaginabili a carico dei maschi vittimizzati e non in grado di ricorrere al “codice d’onore”, che coprono la loro condizione con sentimenti di colpa e vergogna. Una narcisista difficilmente passa inosservata anche negli ambienti amicali e in quelli lavorativi. E’ colei che è disposta ad alzare a livelli sommi i toni e i contenuti pur di emergere, che mette in piazza i fatti di tutti per attirare l’attenzione su di sé, completamente insensibile alle violazioni della privacy che compie. La narcisista può strutturarsi intorno alle aspettative legate al suo essere donna e tenderà ad esporsi e ad essere ammirata per i suoi eclatanti gesti di cura e amore per il prossimo, disgraziatamente mai celati, ma sempre esibiti e pomposamente sbandierati, mostrati e idealizzati: siccome è consapevole che il proprio genere è premiato proprio per le doti di cura, ascolto ed empatia, si atteggia come fortemente orientata a queste virtù, che purtroppo non le appartengono neppure lontanamente, ma di cui si serve per mettersi al centro della scena. E’ una grandissima dama, stupenda prima donna capace di scene da gran duchessa e vera e propria regina del dramma. Tutto può essere tragedia, quel che conta davvero è la rappresentazione, che non deve mai essere scadente ma luccicante, inebriante, sconvolgente, attraente, seducente e incastonata di aggettivi e colpi di scena da far impallidire i detentori di mille pallide vite assolutamente non all’altezza della sua. Non è temuta solo come amante, ma anche come madre, collega, amica o parente. Se la narcisista è un’amica è meglio rassegnarsi da subito che il proprio ruolo nella sua vita sarà semplicemente quello della figurante nella soap opera della vita narcisa. Nessuno dei tuoi bisogni di amica sarà ascoltato e sarai semplicemente funzionale a quelli di lei. Se decidi di essere amica, quindi, preparati a dare senza ricevere mai nulla, anche se lei ti farà credere che ti sta dando molto e che la tua vita senza questa amicizia sarà solo una pallida esistenza. La narcisista è quasi sempre manipolatrice, capace di mettere in piedi inferni relazionali, fatti di amore e odio, abbandoni ed eclatanti ritorni di fiamma. E’ convinta di essere grande e unica, un essere speciale, profondamente invidiata, detentrice della verità. Esige continue prove d’amore e di riconoscimento e legge la realtà che le sta intorno, anche la più autentica, con machiavellica malizia. E’ impegnata in relazioni altamente conflittuali e continuamente rotte dalla lacerante ingratitudine e dalla cattiveria degli altri. Nelle relazioni affettive, la donna narcisista si comporta inizialmente come il suo collega narcisista perverso maschio . Realizza degli slanci pazzeschi, grandiosi e sorprendenti, delle azioni d’amore uniche. All’inizio di una relazione è avvolgente, generosissima e capace di adorazione e, mentre il maschio narcisista nella fase successiva si fa esplulsivo e distruttivo, lei diventa profondamente invischiante e tenta di cambiarlo...

Read More
Download mp3